La Listeria è un problema? Ecco come risolverlo con la linea Flowfresh di Flowcrete

  • La Listeria è un problema? Ecco come risolverlo con la linea Flowfresh di Flowcrete

La Listeria è un problema? Ecco come risolverlo con la linea Flowfresh di Flowcrete

12 ago 2016

  • distruzione del 99,9% dei batteri superfi ciali;
  • eccellente resistenza chimica e meccanica;
  • possibilità di fi nitura antiscivolo per ambienti umidi;
  • ottima resistenza (prodotto HF) alle variazioni termiche (range di utilizzo: da –40 °C a +120°C), con possibilità di lavare il pavimento con acqua bollente;
  • basso contenuto di COV;
  • fi niture esenti da solventi ed anti-macchia;
  • traspirabilità del sistema.

Grazie anche al successo enorme di Expo 2015, che ha dato e sta dando enorme rilievo al tema dell’alimentazione e alle aziende italiane, si sta conferendo sempre più importanza alla salubrità delle pavimentazioni dei locali in cui vengono prodotti e trasformati gli alimenti.

Flowcrete si è sempre dedicata a questa problematica, producendo e commercializzando in tutto il mondo formulati idonei e certifi cati, particolarmente adatti ai locali della fi liera dell’industria agroalimentare per migliorare l’igienicità, l’asetticità degli ambienti e quindi per migliorare la vita lavorativa dell’individuo che vive quotidianamente in questi ambienti.

Ed è proprio il sistema in poliuretano cemento, dove l’impiego degli ioni d’argento all’interno del formulato (non adottabile per sistemi epossidici e metacrilici, in cui l’effetto antimicrobico risulterebbe molto più blando) contribuisce maggiormente al miglioramento dell’ambiente stesso, che offre un’effi cacia ed ecologica alternativa all’impiego degli additivi antibatterici di origine chimica, riducendo la formazione di batteri sulla pavimentazione del 99% (tipo Escherichia coli, Staphylococcus aures, Listeria monocytogenes, ecc…)

Per queste motivazioni, in tutti gli ambienti in cui è necessario la sterilizzazione dei locali, sono consigliabili rivestimenti in poliuretano cemento, che risultano una soluzione ottimale in quanto resistenti a temperature superiori (fi no a 120 °C) rispetto a quelle di rivestimenti realizzati con altri tipi di resine in commercio.

Interessanti anche le schede tecnico informative dell’INAIL sul rischio biologico sui luoghi di lavoro dove viene analizzato, assieme ad altri contaminanti, anche Listeria monocytogenes. Flowfresh rappresenta unanuova generazione di pavimentazioniantibatteriche naturali che, in partnership con Polygiene, da marzo 2015 ha ottenuto la certifi cazione a livello mondiale ISO 22196.

Esso è il primo prodotto di questo genere, a livello mondiale, ad ottenere tale certifi cazione. Inoltre, da giugno 2015 fi no a giugno 2017 ha ottenuto anche la certifi cazione HACCP (certifi cazione, quest’ultima, oggetto di revisione ogni due anni). Polygiene è una società svedese di Malmö specializzata nella produzione di una tecnologia ecosostenibile naturale basata sugli ioni d’argento, un antibatterico che interrompe la trasmissione di malattie, eliminando i microbi a contatto su materiali di natura diversa tra cui il poliuretano cemento.

Polygiene, in partnership con Flowcrete, ha studiato e formulato in esclusiva un antibatterico idoneo per la linea in poliuretano cemento di fl owcrete e denominata Flowfresh. Polygiene è una formulazione antibatterica che all’interno del formulato, una volta applicato e indurito si disperde su tutta la massa dei prodotti della linea Flowfresh HF/RT/MF e che rende quindi duratura nel tempo l’effi cacia del sistema. L’antibatterico riduce la formazione di batteri sulla pavimentazione del 99%.

FINE

Enjoy this post? Click below to share it with your network:

Rimani connesso